Image Image Image Image Image
Scroll to Top

To Top

News

20

Apr
2012

Internet Motors 2012: per automobile.it l’automotive si rafforza in rete

In News

Mobile e web, le nuove tecnologie danno nuova linfa al settore automobilistico italiano.

La crisi che interessa il settore automotive è reale, ma si può combattere grazie alle enormi opportunità offerte dai nuovi canali di comunicazione e promozione online. Questo è emerso martedì 17 aprile a Milano ad Internet Motors, evento dedicato all’attuale status e alle prospettive del mondo internet applicato al settore automobilistico.

Una giornata di formazione dedicata a tutti gli operatori della filiera automobilistica, cui hanno partecipato oltre 720 iscritti, tra dealer, OEM e, in generale, addetti ai lavori del settore, oltre agli otto relatori d’eccezione, tra cui Marilda Qerimi, country manager Italia di automobile.it.

“Abbiamo notato che in Italia c’è l’esigenza di una giornata di formazione in cui fare in punto di quella che è oggi la situazione del mercato italiano, per trovare spunti e soluzioni da proporre in questo quadro di crisi” ha commentato Marilda Qerimi. Due i punti fondamentali toccati dalla relatrice in relazione al portale www.automobile.it: come fronteggiare la crisi del mercato uscendo dai confini nazionali verso l’Europa e come sfruttare strategicamente i canali Internet e Mobile.

Nel mercato dell’automotive le immatricolazioni in Italia sono in flessione nel primo trimestre 2012 con un poco rassicurante –21%. A livello europeo le immatricolazioni nello stesso trimestre sono state 3.427.677 con un calo del 7,3%. In marzo, fra i cinque grandi mercati europei, hanno chiuso in attivo la Germania (+3,4% mese), forte di un favorevole momento economico, e Gran Bretagna, mentre il risultato è stato negativo generalmente per l’area mediterranea (dati UNRAE).
Per completare il quadro bisogno prendere in considerazione anche altri fattori caratterizzanti il mercato italiano, quali la recessione economica, il prezzo del carburante, l’aumento dell’IVA, il superbollo, che hanno un impatto negativo sulle potere di acquisto dell’utente. Si può rilevare dunque, parallelamente al calo delle immatricolazioni, una difficoltà oggettiva dei concessionari a vendere auto nuove, contrariamente al segmento dell’usato che regge la crisi e rimane promettente, come dimostra il mercato estero. Diviene quindi strategico ispirarsi al modello europeo, che risente meno della crisi e che risulta essere meno dipendente dalla vendita del nuovo, puntando sull’usato, più facilmente vendibile poiché i veicoli usati hanno un prezzo più contenuto, in linea con la tendenza del mercato, così come minori sono i costi dei passaggi di proprietà rispetto all’Italia.

Quali potrebbero essere le strategie valide che i concessionari italiani per arginare la crisi? Automobile.it suggerisce alcune soluzioni concrete: l’espansione verso l’Europa, la minimizzazione dei tempi di giacenza dell’usato e, soprattutto, l’individuazione di partner garantiti e compratori affidabili come automobile.it, che rientra nella piattaforma dal respiro europeo mobile.international GmbH che conta approssimativamente 50.000 concessionari partner e circa 2.000.000 di annunci pubblicati, con una crescita costante di visibilità internazionale e locale di anno in anno.

Secondo punto fondamentale per il rilancio dell’automotive è l’utilizzo strategico dei nuovi canali Internet Mobile: nel 2011 le vendite combinate di smartphone e tablet nel mondo hanno superato quelle dei PC (Fonte IDC) e in Italia si contano ad oggi 21.067.000 smartphone venduti (Fonte Osservatorio Polimi), un dato impressionante da cui non si può prescindere.

La declinazione di automobile.it in ambito Mobile è un valore aggiunto per i concessionari, grazie ai numerosi plus: indicizzazione dai motori di ricerca, ampia compatibilità cross-piattaforma, minori costi di sviluppo e mantenimento e aggiornamento istantaneo delle informazioni.

“Il Mobile sta diventando sempre più un canale privilegiato per l’automotive, perché l’utente può comodamente fare ricerche, comparare prezzi, localizzare concessionari, il tutto
comodamente dal palmo della propria mano. I siti Mobile-friendly permettono di generare un maggior numero di lead su un target mirato e altospendente”, ha illustrato Marilda Qerimi.

Affidarsi ad automobile.it è, per un concessionario italiano motivato a combattere la crisi, una scelta strategica forte: occupandosi della comunicazione degli annunci e della promozione del rivenditore, automobile.it lascia alla concessionario solo la gestione concreta della vendita finale, con grandi vantaggi in termini di visibilità, tempo e risorse.

Tags | ,

Share